.
Annunci online

calzetta
28 luglio 2004
CANZONE 6

<<......capirai che il cielo è bello perchè,

           infondo fa da tetto a un mondo pieno

                     di paure e lacrime.....>>




permalink | inviato da il 28/7/2004 alle 15:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
26 luglio 2004
CANZONE 5

<<.....Did I disappoint you?
Or leave a bad taste in your mouth?
You act like you never had love
And you want me to go without
Well it's.....>>




permalink | inviato da il 26/7/2004 alle 18:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
22 luglio 2004
CANZONE 4: indovinate gente!!!
<<.....Ed è per questo che ti sto chiedendo
di cercare sempre quelle cose vere
che ci fanno stare bene
mai io non le perderei mai...>>




permalink | inviato da il 22/7/2004 alle 16:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

my mail: calzetta@ciaoweb.it

my msn: d_prue8@hotmail.com


 
"genio e follia hanno qualcosa in comune:
entrambi vivono in un mondo diverso
da quello che esiste per gli altri."

Arthur Schopenhauer.






 "Rammarico sulle scale di gemma" - EZRA PUOND.

Gradini già imperlati da rugiada bianca,

Questo ritardo bagna le mie calze a velo,

Abbasso tende di cristallo e guardo,

Il filtro dell'autunno nell'inverno terso!


 

Due amanti felici.
-Pablo Neruda

Due amanti felici fanno un solo pane,

una sola goccia di luna nell'erba,
lascian camminando due ombre che s'uniscono,
lasciano un solo sole vuoto in un letto.
Di tutte le verità scelsero il giorno:
non s'uccisero con fili, ma con un aroma
e non spezzarono la pace né le parole.
E' la felicità una torre trasparente.
L'aria, il vino vanno coi due amanti,
gli regala la notte i suoi petali felici,
hanno diritto a tutti i garofani.
Due amanti felici non hanno fine né morte,
nascono e muoiono più volte vivendo,
hanno l'eternità della natura.

 





IL CANNOCCHIALE